Excite

Xbox 360: ieri, oggi e domani.

L'Xbox 360 è la risposta Microsoft alle tradizionali aziende di console di videogiochi come Sony e Nintendo. Sono passati undici anni dal lancio della prima Xbox e sette da quella della Xbox 360. Quali sono i punti di forza di questa piattaforma e quali prospettive si aprono per il futuro?

Il mercato dei videogiochi è estremamente allettante, infatti nel 2011, globalmente, i consumatori hanno speso più di 70 miliardi di dollari e, raro di questi tempi, è un mercato in crescita: +10.4%. Le previsioni ritengono che lo sarà almeno fino al 2015.

Evidentemente alla Microsoft hanno ottimi analisti, poiché fin dal 2001 hanno previsto tutto questo ed hanno cercato di contrastare i maggiori marchi di console per videogiochi presenti sul mercato con una propria.

All'inizio si chiamava semplicemente Xbox, e già allora ebbe un buon successo. Era estremamente potente rispetto alla concorrenza dell'epoca, una potenza di calcolo forse mai sfruttata al 100% dagli sviluppatori di videogiochi. Le dimensioni della console e del joypad controller erano considerati i suoi punti deboli.

Nel 2005 ci fu il primo lancio del successore della Xbox, chiamato Xbox 360. Assieme alla PS3 e alla Nintendo Wii fa parte delle console di "settima generazione". Già nel 2007 erano stati venduti più di 11 milioni di esemplari. Nell'Xbox 360, oltre alle prestazioni grafiche e alla definizione elevata, di 1920×1080 pixel, si curò particolarmente l'aspetto estetico, riducendone le dimensioni e dando la possibilità di piazzare la console verticalmente. Il controller, più ergonomico, è ora wireless.

L'Xbox 360 è stato prodotto in origine in 3 versioni: Core, Premium ed Elite. Le maggiori differenze, oltre che nel colore del box (nero per l'Elite), stanno principalmente nelle dimensioni dell'hard disc, che raggiunge i 120 GB per il modello più costoso.

Nel 2010 furono presentati i modelli "slim", nelle tre versioni da 4, 250 e 320 GB di hard disc. La livrea ora è nera, opaca o lucida a seconda delle versioni. Grazie al progresso tecnologico dei circuiti integrati utilizzati, che sono passati da una microlitografia di 90 nm agli attuali 45 nm, la potenza dissipata dalla console si è quasi dimezzata, passando da più di 200 W agli attuali 115 W. Questo ha fatto in modo di contenere la ventilazione per il raffreddamento e quindi il rumore prodotto.

Per contrastare la Wii, che, tramite sensori di movimento posti sul telecomando/controller, permettono giochi "dinamici", alla Microsoft hanno pensato a una periferica chiamata "Kinect", da collegare alla console. Si tratta di un apparecchio dotato di sensori ottici in grado di rivelare i movimenti del nostro corpo nelle 3 direzioni, decodificarli e trasformarli in azioni del videogioco. Si può dire che, a questo punto, il joypad diventa il nostro stesso corpo. Non richiede di avere in mano nulla, come invece è generalmente necessario per Wii, con i pregi e i difetti del caso.

Il futuro Xbox

Indiscrezioni circa il futuro dell’Xbox 360 circolano da tempo. Probabilmente cambierà nome, diventando Xbox 720. Il principale passo in avanti riguarderà la potenza di calcolo, tra le 5 e le 6 volte più elevata, e alla funzione di sensore di movimento, migliorata e probabilmente integrata nella console. Il Kinect 2 potrà percepire il cambio dell'espressione facciale del giocatore, potrà capire il labiale e avrà riconoscimento vocale. Date certe per il lancio sul mercato non ne circolano, ma si parla del 2013 e oltre.

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017