Excite

PS3 e la Stanford University di San Francisco unite nella ricerca

Cosa c'entra la ricerca biotech con la console di casa Sony? Se lo saranno chiesti in molti, anche alla Sony, ma di certo non ci si poteva rifiutare di partecipare ad un programma di ricerche e sperimentazioni per curare le malattie di origine genetica, portato avanti dalla prestigiosa università americana. La considerevole mole di dati da analizzare, elaborare e catalogare richiede una potenza che un solo computer, per quanto potente, non avrebbe mai potuto generare. A Stanford hanno pensato bene di cercare aiuto a livello mondiale, con un'iziativa singolare: chiedere a chiunque di lasciare il proprio PC acceso e collegato ad internet durante la notte (con minimo esborso di energia e soldi per chi possiede un'abbonamento flat).

La PS3 è stata scelta perchè considerata un vero e proprio computer di nuova generazione: all'iniziativa, rilanciata in molti forum, hanno aderito in molti. Si stima che solo in Italia abbiano aderito più di 15mila possessori della console, su un totale di 110mila. La Stanford ha rilasciato gratuitamente un software che permette di identificare ogni singolo PC o PS3 che ha elaborato un dato. Creando questa rete, si spera di raggiungere ed eguagliare la prestazioni di un supercomputer (quelli che usano alla NASA per esempio) e di portare avanti, in tempi rapidi, la ricerca.

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017