Excite

Il mondo di Loki, il videogioco per riconoscere i pedofili

E' stato messo a punto Il mondo di Loki, il videogioco creato da un team di criminologi italiani che insegnerà ai bambini a stare in guardia dai "sex offender", meglio noti come pedofili.

Se, fino ad ora, è stato l'uomo nero delle favole il pericolo da evitare, per i bambini di oggi sarà l'orco cibernetico, visto e considerato che anche i pedofili hanno spostato la loro attività sul web, preferendolo alle scuole e ai parchi.

I dati forniti da Telefono Azzurro nel corso del convegno Internet e minori: esperienze a confronto tenutosi ieri sono preoccupanti: il 21,1% dei bambini tra i 7 e gli 11 anni naviga in perfetta solitudine, senza il controllo di un adulto. Una percentuale che sale al 50,3% tra gli adolescenti (12-19 anni). E sei volte su dieci mamma e papà non fanno neanche un monitoraggio minimo di temi e contenuti della navigazione dei figli.

Oggi è in corso a Roma il convegno Internet Safer Day 2008, una giornata per la sicurezza di Internet, voluta dalla Commissione Europea, in cui si incontreranno i rappresentanti delle pubbliche istituzioni e quelli delle maggiori imprese di telefonia. Domani a Milano invece si terrà un nuovo incontro in cui verrà presentato un report sull'anno appena trascorso e verrà sancito l'atto di nascita dell'osservatorio internazionale.

A dare sostegno a queste iniziative ci sarà un nuovo videogame che parlare ai bambini usando il linguaggio da loro più gradito. Con Il Mondo di Loki, infatti, i bambini impareranno a scoprire quali strategie vengono messe in pratica dal sex offender così da riconoscere la minaccia ancora prima dell'individuo pericoloso.

Vito Sugamele, psicologo e realizzatore scientifico del gioco, spiega: "Il mondo di Loki si articola in cinque diversi ambienti: casa, percorso verso la scuola, scuola, dopo scuola e di nuovo casa, all'interno dei quali il bambino, sotto forma di avatar, interagisce con altri avatar che lui stesso ha inserito nel gioco. Dal padre al fratello, dalla madre alla sconosciuto, il piccolo dovrà rispondere correttamente alle loro domande per riuscire a guadagnare punti e a superare i vari habitat".

I tre aspetti critici che il gioco mette in evidenza sono: minaccia, senso di colpa e segretezza. Un bambino perderà punti se accetterà di fare un "gioco segreto" con uno sconosciuto, mentre ne guadagnerà se sceglie di parlarne ad un amico. Durante il gioco il bambino non individuerà mai il pedofilo dal suo aspetto fisico ma imparerà a riconoscere il comportamento minaccioso indipendentemente dalla persona che lo avvicina, perché i pedofili online non hanno un volto, ma si riconoscono da cosa propongono alla loro vittima.

E' fondamentale che i bambini giochino da soli, senza alcuna influenza da parte del mondo adulto il quale potrà fornire supporto solo per scaricare gratuitamente il gioco dal sito www.c-cube.it e nella fase di registrazione.

Alessandro Ceci, responsabile scientifico della società C Cube, conclude: "Vorremmo che i bambini fossero tenuti in braccio dalla tecnologia, che imparino a vederla come un amico e non come una fonte di preoccupazione. Tutto questo è possibile solo smascherando i comportamenti di chi cerca di adescarli, questo è lo spirito de Il Mondo di Loki".

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017