Excite

I videogiochi sugli smartphones mettono in crisi le console

  • infophoto

In Italia, la vendita delle console è in calo, mentre sale l'interesse per i videogiochi semplici ed economici, per i quali "basta un dito".

La crisi economica con risparmia il mondo dorato dei videogiochi, che ha chiuso lo scorso anno in passivo e che si prepara ad una rivoluzione.

Dai dati emrsi dall’Aesvi (Associazione di categoria che rappresenta i produttori di console, gli editori e gli sviluppatori di videogiochi in Italia), il settore dei videogiochi è calato del 7,1%, mentre il giro d’affari è sceso sotto il miliardo di euro.

Il mercato delle console soffre particolarmente, minacciato dalla concorrenza di tablet e smartphone, visto che nel 2011 ha registrato un preoccupante -11.7%.

Fabio Viola, scrittore e sviluppatore di software spiega il fenomeno: "La parola chiave è gamification", specificando che, con l'evoluzione tecnologica è diventato un gioco comunicare, seguire una lezione, e persino guidare in auto (con un occhio al navigatore e uno al bluetooth), aggiungendo che "In un mondo del genere dedicarsi alla console è diventato un lusso".

Oggi, lo smartphone è un’abitudine, e non c’è più un futuro digitale da inseguire, con le realtà virtuali che conoscono un boom senza recedenti.
I videogiochi che girano su Facebook e sugli smartphones sono semplci, economici ed accessibili. Si pensi al famosissimo "Angry Birds" che funziona, perchè perfetto per lo smartphone.

Viola conlude con una considerazione: "Il mercato dei videogiochi sta diventando sempre più simile a quello musicale. Con gli store online l’offerta si allarga, e i piccoli spiazzano i colossi".

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017