Excite

Far Cry 4: soluzione in soli 30 minuti (SPOILER)

  • far-cry.ubi.com

"Ajay, figlio mio, ho solo un ultimo desiderio, riportami da Lakshmana". E' con questa richiesta che inizia Far Cry 4, è questo il messaggio che giustifica il ritorno di Ajay Ghale nella regione himlayana del Kyrat. Se questa è la premessa, diversi invece sono i possibili sviluppi della storia. I programmatori, infatti, hanno previsto cinque diversi finali per questo nuovo episodio della serie. In queste righe forniremo i dettagli sul percorso più breve, quello che offre la possibilità di finire il gioco in meno di 30 minuti. Una conclusione rapidissima e assolutamente sorprendente della storia capace di svelare in così poco tempo molti dei particolari della trama. Dunque, per coloro che non volessero correre il rischio di rovinarsi parte dell'avventura, il consiglio è quello di non leggere oltre. Per i curiosi, invece, lo sfizio da togliersi è qualche riga più in basso.

Torniamo, quindi, alla sequenza iniziale, alle montagne del Nepal, al rumore del motore di un pullman che si arrampica tra i tornanti e alla voce di un funzionario degli Stati Uniti che sconsiglia un viaggio nella zona, considerata pericolosa a causa dei disordini del Golden Path. La registrazione si conclude svelando il motivo del viaggio di Ajay: l'intenzione di riportare in patria le ceneri di Ishwari Ghale (sua madre). Proprio su questa frase l'inquadratura mostra l'urna tra le mani del protagonista seduto all'interno del bus. Pochi secondi ed il viaggio si interrompe, fermato dai soldati al confine con il Kyrat. Di lì a pochi secondi il caos: spari ovunque ed il protagonista che cerca di evitare il peggio nascondendosi prima di uscire dal bus gettandosi a terra.

A rendere il tutto ancor più imprevedibile, però, è l'arrivo di un elicottero dal quale scende un uomo carismatico che chiede spiegazioni alla guardia sull'accaduto prima di ucciderla a sangue freddo con un pugnale. Il suo nome è Pagan Min ed è il dittatore del Kyrat contro il quale i ribelli del Golden Path combattono. L'uomo riconosce immediatamente il volto del protagonista e lo "invita" senza possibilità di scelta nella sua casa per un pranzo. A tavola offre alcuni particolari sulla storia e sul fatto di aver conosciuto la madre di Ajay in passato, prima che lei col figlio si spostasse negli Stati Uniti.

Ed eccoci al momento clou, quando cioè Pagan Min si allontana per alcuni minuti chiedendo al protagonista di attenderlo. Per la prima volta, il giocatore ha la possibilità di interagire col gioco e prendere decisioni autonome. Scappare o restare? La risposta è piuttosto scontata, ma non per tutti. Se, infatti, si decide di attendere nella sala per circa 10 minuti il ritorno di Pagan Min, la storia prende una piega totalmente inattesa. Il dittatore, infatti, al suo ritorno ci porterà direttamente all'obiettivo: da Lakshmana. Qui, però, ci svela alcuni particolari non da niente sulla storia. Attraverso le parole di Min, infatti, scopriamo che Mohan (capo del Golden Path e padre di Ajay) mandò la moglie Ishwari da Min per spiarlo. I due, però, si innamorarono e dalla loro relazione nacque una figlia, Lakshmana per l'appunto. Nel momento in cui Mohan ne venne a conoscenza decise di spedire Ishwari e Ajay negli Stati Uniti e, stando alle parole di Pagan Min, in seguito uccise Lakshmana stessa. Il racconto si chiude qui, davanti a noi il tavolo sul quale posiamo l'urna con le ceneri, ci voltiamo ed usciamo. Ad attenderci Pagan Min, l'elicottero ed i Clash con "Should I stay or Should I go".

Guarda il video del finale alternativo di Far Cry 4

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017