Excite

Con i Simpson c'è sempre spazio per le polemiche

Ogni cosa che riguarda la famiglia di Springfield, dai cartoni ai fumetti, passando obbligatoriamente per i videogiochi, è zeppa di satira che riprende molti fatti d'attualità: anche il nuovo videogioco dedicato ai Simpson ricalca questo stile inconfondibile ed è stato riempito di parodie di altri videogiochi sia del presente che del passato.

Forse non tutti hanno capito che lo scopo di queste parodie era quello di fare autocritica sull'industria videoludica e di prendersi un pò in giro: è proprio il capo designer del videogioco, Greg Rizzer, che ha confermato il comportamento diverso di molte software house.

Come esempi positivi, Rizzer fa il nome della EA che ha sposato in pieno lo spirito autoironico che le parodie simpsoniane dovevano suscitare. Allo stesso modo, la Harmonix, citata per la parodia del celeberrimo Guitar Hero nel livello "Sitar Hero" in cui Apu suona impugnando un controller da 60 pulsanti. Alla Harmonix la parodia è piaciuta talmente tanto che hanno voluto 20 poster della scena di Apu. Diversa, invece, la reazione della Rockstar (GTA vi dice qualcosa?): la software house ha preteso che venisse eliminato un intero livello del gioco, "Grand Theft Scratchy", ispirato al capolavoro GTA. Inutile dire che non si prendeva in giro nessuno, anzi, parodizzando un gioco se ne attesta l'importanza e di certo non lo si scredita. Forse alla Rockstar avrebbero bisogno di una visita di Homer per farsi quattro risate!

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017