Excite

Collezione di videogiochi venduta a un milione di euro

  • infophoto

Li abbiamo sempre considerati come gli oggetti simbolo delfuturo, della tecnologia che avanza, del progresso, di quello che verrà. Ed invece anche i videogiochi possono contare oggi su una loro storia, che annovera ormai diverse decine di anni alle proprie spalle, essendo nati pocodopo gli anni 50.

Accade dunque che nel 2012 i videogame possano considerarsi veri e propri oggetti di antiquariato e per questo venduti all’asta come un quadro antico o un gioiello, avendo in comune con questi preziosi anche il prezzo.

Ed accade che una collezione di videogiochi venga venduta all'asta a un milione di euro, una collezione unica nel suo genere: oltre venti anni di videogame appartenenti a ben 22 diverse piattaforme di gioco, tra quelle vendute a cavallo tra gli anni 80 e 90.Si tratta di una collezione di pezzi unici nel proprio genere e difficilmente ritrovabili sul mercato, curata da un appassionato francese, frutto di una ricerca iniziata negli anni 80 e conclusasi negli ultimi tempi.

All’interno della collezione, che è stata battuta all’astasu eBay, si ritrovano non solo tutti i principali titoli di videogame che hanno caratterizzato quegli anni come Super Mario Bros, Tetris e Virtual Lab , tutti rigorosamente nuovi ed imballati nella confezione originale, ma anche accessori, manuali e riviste specializzate “dell’epoca” in lingua originale(quasi sempre il giapponese), add-on esterni come la storica mitragliatrice Hyper Shot, una delle prime nel suo genere.

La domanda ora è: cosa ci farà il fortunato acquirente conquesta collezione milionaria? Le possibilità sono due: se è un vero appassionato di videogiochi li aprirà ad uno ad uno e li giocherà, magari ricordando i bei tempi.

Se invece è solo un collezionista aspetterà qualche anno e proverà a rivendere i pezzi singolarmente, e c'è da scommettere che riuscirà a totalizzare ben più di un milione di euro.

videogiochi.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017